donazioni

Che storia il condom..... ALTI E BASSI DEL PRESERVATIVO NEL CORSO DEI SECOLI

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaE-mail

0002387condomsz.jpg Dall'invenzione di un sacchetto di lino su misura, nel XVI secolo, alla recente, cauta apertura da parte della Chiesa

La questione etica è allo studio del Consiglio pontificio per la sanità. Ma la pur cauta apertura alla possibilità di un allentamento del divieto del condom nelle coppie sposate, in cui uno dei coniugi sia malato di aids, annuncia una svolta modernizzatrice rispetto alla posizione del Vaticano. Si attende ora il pronunciamento di Papa Benedetto XVI. Se passerà la linea del «male minore», la parziale accettazione dell'uso del preservativo per la difesa della vita, sarà un evento nella storia di quel mezzo di profilassi individuale, comparso nel XVI secolo durante una pandemia di sifilide.

A metterlo a punto fu l'anatomista italiano Gabriele Falloppio: un sacchetto di lino «ad mensuram glandis», impregnato di sali ed erbe. A dominare però, contro il «mal francese», era la pratica di ungersi i genitali con olio o grasso animale. Alla base c'era l'idea che i pori lasciassero filtrare il male: occorreva chiuderli con olio e grasso. Accadeva allora, ironizzava un sifilografo a fine Ottocento, «che i galanti del tempo andassero alle avventure amorose con la tabacchiera 0002387preserv.jpg d'oro o d'argento ripiena di lardo o altro grasso animale».

Se sui mezzi contraccettivi, diffusi dall'antichità, le notizie sono scarse, sui condom le informazioni non mancano. Il loro lancio sul mercato avvenne nel 1712 a Utrecht, durante la conferenza per la firma del trattato che chiudeva la Guerra di successione spagnola. La presenza di funzionari e diplomatici, circondati da «dame galanti» fece scattare l'idea di produrre dispositivi igienici fatti di membrane animali. Usato anche in funzione contraccettiva, in bordelli di lusso e «alcove degli adulteri», divenne il simbolo di una sessualità illecita, circondato da un'aura di peccaminosità che avrebbe attraversato il libertino Settecento.

Lo usavano il marchese de Sade, Casanova, James Boswell. La sua cattiva fama impose il ricorso a eufemismi, «redingote d'Inghilterra», «lettera francese». Il nome preservativo comparve per la prima volta in una réclâme che dichiarava gli scopi igienico-profilattici: «Fabbrica di preservativi sicuri. Esportazione discreta».

A Venezia lo spaccio di gondoni, goldoni o condoni, «cosetti di pelle bianca come guanti con cordelline», era vietato, nel timore che persone disoneste ne diffondessero l'uso tra le ragazze, garantite dalle gravidanze, avviandole poi alla prostituzione. La circolazione era limitata: molti lo consideravano una «tela di ragno contro il pericolo, e una corazza contro il piacere». Inoltre era costoso perché di difficile lavorazione. Fino alla scoperta della vulcanizzazione della gomma verso il 1840, che ne vede la diffusione come anticoncezionale, era composto da intestino cieco di pecora.

Il profilattico non incontrava neppure il favore dei medici, che non lo ritenevano sicuro contro il contagio, mentre induceva falsa sicurezza nei «consumatori» di sesso mercenario. Jean Astruc, uno dei più famosi del tempo, deplorava che certi «depravati usassero piccoli sacchi fatti di una membrana fine». E il grande Jacob von Plenck scriveva che era un'illusione che preservasse dal veleno venereo «l'applicarsi alla verga una pellicola a forma di guaina».

Più tardi, altri materiali (il lattice) e altri processi di lavorazione renderanno più sicuro il condom. Che però non entrò mai nelle misure pubbliche di profilassi antivenerea. Nella Prima guerra mondiale il timore di incoraggiare il sesso illecito tra i soldati spinse a privilegiare consigli igienici e kit antivenerei, contenenti una famosa pomata. Il peccaminoso dispositivo era bandito persino in enciclopedie e dizionari: fino al 1972 non compare neppure nel monumentale The Oxford English Dictionary.

LINK: Panorama.it

Ultimo aggiornamento Sabato 19 Novembre 2011 17:42

LINEA DI AIUTO IMMEDIATO

06 452218032il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00
800 861061numero verde
ministero della salute

Banner Video

SONDAGGIO

Qual é la miglior forma, secondo te, per prevenire l'hiv?

Risultati

Calendario eventi

Aprile 2014
DLMMGVS
1 2 3 4 5
6 7 8 9101112
13141516171819
20212223242526
27282930
Maggio 2014
DLMMGVS
1 2 3
4 5 6 7 8 910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Giugno 2014
DLMMGVS
1 2 3 4 5 6 7
8 91011121314
15161718192021
22232425262728
2930
Luglio 2014
DLMMGVS
1 2 3 4 5
6 7 8 9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031
Agosto 2014
DLMMGVS
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31
Settembre 2014
DLMMGVS
1 2 3 4 5 6
7 8 910111213
14151617181920
21222324252627
282930
Ottobre 2014
DLMMGVS
1 2 3 4
5 6 7 8 91011
12131415161718
19202122232425
262728293031
Novembre 2014
DLMMGVS
1
2 3 4 5 6 7 8
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30
Dicembre 2014
DLMMGVS
1 2 3 4 5 6
7 8 910111213
14151617181920
21222324252627
28293031
Gennaio 2015
DLMMGVS
1 2 3
4 5 6 7 8 910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Febbraio 2015
DLMMGVS
1 2 3 4 5 6 7
8 91011121314
15161718192021
22232425262728
Marzo 2015
DLMMGVS
1 2 3 4 5 6 7
8 91011121314
15161718192021
22232425262728
293031

© 2010 SIEROPOSITIVO.it - Tutti i diritti riservati Associazione Sieropositivo.it - COD. FISCALE: 97316650585 "

Presidente associazione Sieropositivo.it e Responsabile della produzione Franca Ferrario.

Responsabile per informazioni mediche non provenienti da fonti diverse dott.ssa Masia Gavina.